Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
19 MAGGIO 2012
NUOVO BANDO IN ARRIVO PER LA PIATTAFORMA LOGISTICA

Nuovo rinvio e nuovo bando di gara per la Piattaforma logistica del Porto. L'Autorità portuale ha infatti reso noto di avere - per la sesta volta - spostato i termini per la consegna delle manifestazioni di interesse al progetto, fissato al 31 maggio. Il 29 giugno scadrà il nuovo termine.

La decisione è stata presa per consentire la pubblicazione di un nuovo bando di gara del quale, al momento, non si conoscono le differenze di contenuto. Ecco la nota ufficiale dell'Authority: «A seguito dell’approvazione del progetto della Piattaforma Logistica da parte del Cipe in data 30 aprile 2012, nelle more della formalizzazione della relativa delibera e della registrazione della stessa presso la Corte dei Conti, si comunica che l’Autorità portuale sta provvedendo alla predisposizione di un nuovo bando di gara che terrà conto dei contenuti della predetta delibera». Potrebbe quindi trattarsi di modifiche tecniche, ma anche di una formulazione del testo in grado di spostare l'interesse verso i grandi armatori, piuttosto che verso i costruttori. Ad ogni modo si tratta, dopo il via libera del Cipe all'ultima tranche da 32 milioni di euro di finanziamento pubblico, di un progetto che sembra interessare più di qualche grossa realtà nazionale e internazionale, sebbene sulle buste già depositate alla Torre del Lloyd vige il massimo riserbo.

Il bando di gara oggi in vigore prevede l'affidamento di una concessione, della durata massima di trent’anni dalla conclusione dei lavori, per la progettazione, la costruzione, la manutenzione e la gestione della Piattaforma logistica tra lo Scalo Legnami e l'ex-Italsider. «In particolare – si legge nel bando - l’impostazione progettuale generale recupera all’utilizzo portuale una superficie complessiva di 250.000 metri quadrati, dei quali 140.000 ricavati da aree attualmente occupate dal mare, mediante rettifica artificiale della linea della costa esistente e realizzazione di una piattaforma su sedime marino, che include la realizzazione di nuovi raccordi ferroviari e stradali, la costruzione di gru da banchina e un nuovo attracco per navi Ro-Ro, eventualmente raddoppiabile».

Dopo il passaggio al Cipe, grazie al decreto “Salva Italia” del governo Monti, la registrazione alla Corte dei conti deve avvenire entro 90 giorni, anziché entro i 12 mesi di prassi, ragion per cui i fondi saranno a disposizione in tempi rapidi. Questa fase, in particolare, riguarda il primo stralcio funzionale con le attività propedeutiche finalizzate all’appalto delle opere di bonifica ambientale e di delimitazione con sponde di cassoni in calcestruzzo armato della zona di colmata. Il valore complessivo dello stralcio è di 132.432.471 euro, così ripartito: 70 milioni e 432 mila euro di fondi messi a disposizione dall’Autorità portuale, 32 milioni di fondi Cipe e 30 milioni a carico del privato che si aggiudicherà la gara. Per quanto riguarda i tempi di realizzazione si dovranno mettere in conto la progettazione esecutiva, le procedure di gara e due anni di cantiere.

Fonte: http://ilpiccolo.gelocal.it

© 2017 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie