Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
14 FEBBRAIO 2012
PORTI: L'ADRIATICO E VENEZIA LANCIANO LA SFIDA AL NORD-UE
VENEZIA «Le tratte italiane dei quattro corridoi della rete Ten-T “essenziale” che interessano il nostro Paese» sono prioritarie per il governo. L'ha detto il viceministro alle infrastrutture Mario Ciaccia ieri all'inaugurazione dell'Anno Portuale a Venezia. Ciaccia ha spiegato che «il corridoio Adriatico-Baltico, il corridoio Mediterraneo, il corridoio Helsinki-La Valletta e il Corridoio Genova-Rotterdam e i porti e gli aeroporti considerati terminali della stessa rete sono l'oggetto dell'attenzione prioritaria del governo all'interno del programma delle infrastrutture strategiche ai sensi della legge obiettivo». Così «si comprende come la politica infrastrutturale in generale, e quella delle infrastrutture portuali in particolare sia mirata a dare priorità di attuazione al complesso delle infrastrutture che scaturirà dal processo di revisione della rete trans-europea di trasporto “essenziale” in corso». E intanto, ha sottolineato, le variazioni delle norme relative ai dragaggi sono le principali novità, introdotte nei provvedimenti normativi più recenti, per aiutare i porti: l'orientamento è restituire al territorio una vera potenzialità produttiva. Ciaccia ha evidenziato che «i fondi non mancano: quel che serve veramente sono quadri di certezze, che credo potrebbero dare il via a possibili investimenti per i quali c'è disponibilità di capitali di rischio». E i porti dell'Adriatico settentrionale aderenti al Napa (Venezia, Trieste, Ravenna, Koper e Rijeka) vogliono essere «l'alternativa ai porti del Nord e Centro dell'Europa, consentendo risparmi di costi, tempo ed emissioni di Co2»: l'ha dichiarato Zeljko Glavan, vicepresidente del Porto di Rijeka. Per Venezia, ha detto Paolo Costa presidente dell'Autorità portuale, si punta al nuovo terminal delle Autostrade del Mare a Fusina entro il 2013, a un nuovo terminal container a Porto Marghera entro il 2014 e poi alla «sfida» del terminal offshore, con il primo modulo da completare entro il 2016.

Fonte: http://www.ilgiornaledivicenza.it
© 2017 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie