Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
23 OTTOBRE 2017
NODO FERROVIARIO DI GENOVA, RFI CONFERMA: "LAVORI CONCLUSI ENTRO IL 2021"
«Il 2021 dovrebbe essere la data giusta per concludere i lavori anche se i cantieri dovranno, in qualche modo, dare i primi risultati, per fasi già a partire dal 2018-2019». Aldo Isi, direttore investimenti di Rfi, conferma l’ipotesi di fine dei lavori del nodo ferroviario di Genova. Tempi che si integrano con il Terzo Valico che, entro il 2022 dovrebbe collegare il capoluogo ligure con il corridoio Reno-Alpi Il tema è stato al centro del convegno «Infrastrutture contro l’isolamento, Prossima Fermata: Nodo Ferroviario di Genova», organizzato dalla camera di Commercio.
 
«Rete ferroviaria sta seguendo con grandissima attenzione ogni singolo cantiere - ha spiegato Isi - anche perché è evidente che abbiamo l’obiettivo di completare le attività del nodo ferroviario in coerenza con le tempistiche visto che, tutti quanti, abbiamo un obiettivo da raggiungere ovvero l’attivazione del terzo valico». Ad aprire il convegno il senatore Maurizio Rossi della commissione Trasporti, che ha affrontato il tema dell’isolamento della Liguria e il presidente della Camera di Commercio Paolo Odone, che ha ricordato le battaglie svolte dall’ente per le infrastrutture, definite «ossessione ormai decennale».
 
«Molto si sta facendo in questi anni - ha spiegato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti - il terzo valico è partito, la gronda partirà presto, e l’anello ferroviario di Genova è fondamentale. Dobbiamo, però, lavorare anche sull’aeroporto, sugli investimenti in porto, sulla cura del ferro con la Pontremolese e la ferrovia di Ponente. La Liguria deve coltivare la sua vocazione di polo logistico del nord ovest perché se il nord ovest riparte è evidente che riparte tutto il paese». Una necessità per «ricollegare» la città con il mondo.
 
«Genova è quasi la terza isola italiana, dopo Sicilia e Sardegna - ha spiegato il sindaco Marco Bucci - e da questo punto bisogna ripartire». Anche perché il nodo ferroviario, e la conseguente metropolitana di superficie, rientrano, a pieno titolo, nel piano urbanistico di mobilità sostenibile. «Senza il nodo ferroviario non potremmo avere un piano come si deve - spiega Bucci - e, quindi, dobbiamo assolutamente accelerare e dobbiamo aiutare anche Rfi a fare in modo che le cose vengono sul territorio in maniera saggia».
 
www.ilsecoloxix.it
© 2017 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie