Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
19 DICEMBRE 2012
INFRASTRUTTURE, COMMISSIONE TRASPORTI DEL PARLAMENTO UE CONFERMA QUATTRO CORRIDOI CHE INTERESSANO L'ITALIA

Roma, 19 dicembre 2012 - La Commissione Trasporti del Parlamento Ue ha approvato il nuovo regolamento ed i tracciati delle Ten-T. Per l'Italia sono stati confermati i quattro corridoi (su un totale di 10), compreso il 'Mediterraneo' Torino-Lione fino a Trieste, l'Helsinki-La Valletta dal Brennero con biforcazione verso Bari, il Genova-Rotterdam e il Baltico-Adriatico. Nell'ambito di questi corridoi sono state previste nella rete prioritaria anche nuove opere riguardanti l'Italia, tra cui i porti fluviali di Mantova e Cremona in vista del potenziamento della navigabilità lungo il Po, il porto di Cagliari e le piattaforme intermodali di Firenze, Verona e Cervignano. In seduta congiunta con la Commissione Industria via libera anche al regolamento sul finanziamento da 50 miliardi per la 'Connecting Europe Facility' 2014-20.

"L´obiettivo è quello di definire una strategia di sviluppo a livello europeo delle reti di trasporto multimodale (strade, ferrovie, trasporti marittimi e aerei) che possa essere all'altezza delle aspettative di mobilità dei cittadini e delle esigenze delle imprese, accorciando le distanze e rendendo la distribuzione delle merci più funzionale, efficace e meno dispendiosa", ha dichiarato il vicepresidente del Parlamento europeo Roberta Angelilli. Che ha aggiunto:

"Dopo l´approvazione in sede di Parlamento, Consiglio e Commissione, entro il prossimo anno toccherà agli Stati membri fare proposte dettagliate sui progetti da realizzare". Anche l´Italia avrà la possibilità di usufruire di finanziamenti europei, fino ad un massimo del 50%, "con i quali sarà possibile avviare moderni progetti infrastrutturali, indispensabili per un collegamento all´avanguardia con gli snodi principali delle reti transnazionali, utili in un momento di crisi per rilanciare la crescita e creare nuovi posti di lavoro", conclude Angelilli.

Corridoio Helsinki-La Valletta

Il corridoio Helsinki-La Valletta a Napoli si biforcherà da un lato verso Taranto e Bari, dall'altro raggiungerà Palermo da dove proseguirà via mare fino a Malta. Particolarmente significativa la previsione di finanziamento per il raddoppio della linea Messina-Palermo.

Corridoio ferroviario 'Mediterraneo'

Il corridoio ferroviario 'Mediterraneo' che collega trasversalmente l'Europa dal Portogallo all'Ucraina comprende appunto la linea Tav Torino-Lione e l'attraversamento della Pianura Padana fino a Trieste, per poi proseguire verso est.

Corridoio Baltico-Adriatico

Attraverso Trieste, arrivando da Klagenfurt via Tarvisio, passerà anche il nuovo corridoio Baltico-Adriatico che partendo dall'Europa nord-orientale raggiungerà i porti italiani dell'Alto Adriatico. Il tracciato del Corridoio - inserito al primo posto tra i progetti prioritari approvati dalla Commisione europea nell'ottobre 2011 - ha un percorso modificato rispetto al vecchio Progetto 23, che collegava Danzica a Vienna. Nel territorio italiano l'infrastruttura ferroviaria del Corridoio, attraverso la ferrovia Pontebbana, è già operativa: i lavori previsti riguardano lo sviluppo di piattaforme intermodali tra Udine, Venezia e Ravenna, e le interconnessioni portuali con i porti adriatici che fanno parte della rete, ovvero Trieste, Venezia e Ravenna.

Nell'ambito di questo corridoio, "il Friuli Venezia Giulia porrà a Bruxelles la prioritaria esigenza del raddoppio della ferrovia Udine-Cervignano e della risoluzione del nodo rappresentato dall'attraversamento ferroviario di Udine, con gli innumerevoli disagi che arreca alla cittadinanza", ha affermato l'assessore Riccardo Riccardi.

Buone notizie anche per le Marche: nel corridoio rientra il porto di Ancona che, quale porto 'core', avrà la possibilità di essere parte integrante di un sistema transeuropeo di reti e di poter realizzare progetti di implementazione del trasporto, finanziati con fondi europei fino ad un massimo del 50%.

Autostrada del Mare Barcellona-Livorno

E' stato approvato anche il progetto di 'Autostrada del Mare', che dovrebbe collegare Valencia con Barcellona e Livorno passando per la Sardegna con diramazioni a Cagliari, Olbia e Porto Torres.

La dotazione finanziaria

L'approvazione del regolamento per la 'Cef', che secondo la Commissione europea dovrebbe avere una dotazione finanziaria da 50 miliardi di euro (compresi 10 miliardi dai fondi strutturali) è comunque soggetta ai risultati dei negoziati tra i 27 per il bilancio pluriennale 2014-2020. Il Consiglio propone un taglio a 36 miliardi, mentre dal Parlamento si pensa ad un effetto leva con l'emissione di project-bond. Il valore complessivo negli investimenti per infrastrutture legati ai trasporti, all'energia e alle telecomunicazioni entro il 2020 è di circa 1.600 miliardi di euro.

Mario Avagliano

Fonte: http://www.lestradedellinformazione.it
© 2017 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie