Le nostre sedi
Roma
(sede legale)
Milano
(direzione e sede principale)
cerca nel sito|
NEWS
18 LUGLIO 2012
GLI INVESTIMENTI IN INFRASTRUTTURE IN ITALIA NEL 2011 E LE PREVISIONI PER IL PROSSIMO TRIENNIO
Gli investimenti in opere infrastrutturali, nel 2011, in base alle ultime stime del CRESME, elaborate per la conferenza Euroconstruct di Londra di giugno 2012, ammontano a circa 37,5 miliardi di euro. Una quantità notevolmente ridimensionata rispetto ai 45,5 miliardi del 2007, ultimo anno di crescita del settore.

Alla base delle nuove stime del CRESME vi sono i dati relativi agli investimenti contenuti nel  Documento di Economia e Finanza (DEF) 2012, presentato al Consiglio dei Ministri il 18 aprile 2012 (La Politica del Governo Monti sul tema delle infrastrutture: le "Linee guida all'Allegato Infrastrutture 2013-2015), nonché i bilanci consolidati per l’anno 2011 delle principali aziende del settore pubblico allargato.

La frenata degli investimenti in opere del genio civile nel 2011 (-3,7% rispetto al 2010) è da ricondurre in primo luogo, alle infrastrutture per il trasporto di persone e merci e per le telecomunicazioni. Dall’analisi delle dinamiche degli investimenti per comparti, infatti, emergono per questi due settori dei tassi di calo pari o superiori al 4,5% a fronte di una flessione più contenuta degli investimenti nel settore dell’energia e dell’acqua (-2,3%).

Nel 2012, il bilancio dei trasporti resta negativo (-1,6%) a causa del persistere della crisi degli investimenti della PA, ed in particolare di Comuni e Province, i principali gestori del patrimonio viario nazionale. La ripresa del settore è attesa per il 2013, con l’entrata a pieno regime dei nuovi cantieri per la realizzazione delle grandi infrastrutture di trasporto con avvio previsto entro il 2012 e dal proseguimento di importanti cantieri in corso.

Per il 2013, allo stato attuale delle informazioni, si attende un saldo moderatamente positivo per l’intero  settore del genio civile, ma molto dipenderà dagli sviluppi della crisi finanziaria e dall’efficacia delle azioni di governo per la crescita e lo sviluppo economico del Paese, che guardano soprattutto alla capacità di attrarre capitali privati.

Analizzando la spesa prevista per alcuni dei principali enti che realizzano opere infrastrutturali, troviamo conferme al quadro negativo sopra descritto. Vanno in questa direzione la frenata degli investimenti degli enti della PA -  in primo luogo Comuni, Province e Regioni che, complessivamente, registrano un calo del 7% a valori costanti a fronte di una flessione del 4% degli investimenti delle Amministrazioni Centrali -  e del Gruppo FS. Per il Gruppo FS il 2011 segna il settimo anno di calo, ma dovrebbe essere l’ultimo. Per il 2012 è infatti prevista la ripresa, che dovrebbe durare almeno fino al 2013, per effetto dell’entrata a regime dei lavori di realizzazione delle nuove tratte AV Milano-Brescia, Milano-Genova e Galleria di base del Brennero.

La ripresa degli investimenti nel settore stradale, prevista a partire dal 2013, è invece affidata ad ANAS e società concessionarie con l’avvio di nuove opere  “calde”, ossia di progetti dotati di una intrinseca capacità di generare reddito attraverso ricavi da utenza, ovvero opere che generano un flusso di cassa che consente al privato il recupero integrale dei costi di investimento sostenuto. Opere queste su cui punta l’azione dell’attuale governo per il rilancio del settore.

Di seguito si presentano le principali infrastrutture strategiche nazionali in corso o con inizio lavori effettivo/previsto nel 2012

 

  • Strade: Pedemontana Lombarda (4,2 miliardi – avvio cantieri 2010, fine 2015); Pedemontana Veneta (contratto di Finanza di Progetto del costo presunto pari a 2,1 miliardi - avvio cantieri novembre 2011, fine 2017); terza corsia della A4 nel tratto Venezia-Trieste e il Raccordo Villesse-Gorizia (circa 2 miliardi - avvio cantieri 2010, fine oltre 2015 ); la Tangenziale Est Esterna di Milano (contratto di Finanza di Progetto del costo complessivo pari a 1,7 miliardi  - avvio maggio 2012, fine 2015); completamento del corridoio tirrenico settentrionale A12 Cecina/Rosignano Marittima-Civitavecchia (2 miliardi, avvio 2009; fine oltre 2015); Asse autostradale CISA (2,7 miliardi – avvio 2012, fine oltre 2015); Variante di Valico (3,7 miliardi, fine lavori 2013); Autostrada Asti-Cuneo (1,3 miliardi, fine lavori nel 2015); collegamento diretto Milano-Bergamo-Brescia (1,6 miliardi, chiusura lavori entro il 2013); Itinerario Agrigento-Caltanissetta - A19: adeguamento a quattro corsie della S.S. 640 di Porto Empedocle, tratto dal km 9+800 al km 74+300 (1,4 miliardi – avvio 2009, fine oltre 2015); alcuni lotti della Salerno Reggio-Calabria e della SS 106 Jonica;

 

  • Ferrovie: Potenziamento asse ferroviario Monaco-Verona, galleria di base del Brennero (4,1 miliardi - avvio scavi 2009, avvio 1 lotto costruttivo 2011, fine oltre 2020); Linea AV/AC Milano-Verona, 1a Fase funzionale - Tratta Treviglio-Brescia (1,1 miliardi - avvio lavori maggio 2011, fine 2016); Terzo valico dei Giovi" linea AV/AC Milano-Genova (6,2 miliardi – avvio aprile 2012, fine 2020).

 

  • Metropolitane: Linea Metropolitana M4 Milano (1, 7 miliardi - avvio 2011, fine oltre 2015); Linea Metropolitana M5 Milano (1,5 miliardi – inizio 2007, fine 2015); Linea C metropolitana di Roma (3.4 miliardi – inizio 2006, fine 2016); Completamento linea 6 della metropolitana di Napoli, lotti  1° e 2° lotto tratta Mostra-Mergellina- Municipio (588 milioni – inizio 2007-fine 2015); Completamento della linea 1 della metropolitana di Napoli: tratta Dante - Garibaldi - Centro direzionale (1,4 miliardi – inizio 1999-fine 2013).

 

  • Sistema Mo.S.E.: il progetto per la Salvaguardia della Laguna e della città di Venezia che consiste nella realizzazione di quattro barriere mobili da realizzare alle bocche lagunari di Lido, Malamocco e Chioggia per la regolazione delle maree (5,5 miliardi – avvio 2003, fine 2014).

 

  Mercedes Tascedda

Fonte: http://www.edilbox.it

© 2017 Uniontrasporti | Uniontrasporti s.cons.r.l. - Via E. Oldofredi, 23 - 20124 Milano | P.Iva 08624711001 | Informativa sui Cookie